viernes, 11 de diciembre de 2009

Il cuore dei topi




Mia madre cercò il mio cappello nuovo, quello di lana col pon pon. Mi mise il cappottino nuovo e gli stivali di vernice e infine i guanti rossi. Poi si passò l'asciugamano per bene sul viso in modo da lasciarlo molto pulito e messasi l'acqua di Colonia tra le mani, se le stropicciò e ne asperse sul bavero del suo cappotto ed anche sul mio.
Dopo mi prese forte per mano e mi trascinò per strada.

-"Sbrighiamoci, così prenderemo i posti migliori!"

Sulla strada sentii il freddo di gennaio.
L'odore della neve scendeva dalle vette della Sierra Nevada, mescolato all'odore del fumo dei camini, in fuga , simile a strisce di garza contro un cielo d’inchiostro. Era 'l'odore di Natale.

C' erano più stelle che mai. Si sarebbe potuta scorgere perfino la stella cometa che aveva guidato i Re Magi sulla Terra.

Quando raggiungemmo la Piazza, la prima fila di sedie era quasi occupata, ma per fortuna la zia Luisa ci chiamó aggitando le mani e ci disse di aver riservato due posti per noi. Proprio accanto ai tre troni dove nel giro di pochi minuti si sarebbero sedute le loro Maestà.
.

Il mio cuore batteva all'impazzata, come si dice che batta il cuore dei topi.


Chiesi a mia zia come fosse possibile che i re, che avevano viaggiato tanto in tutto il mondo con i loro camelli carichi di doni, riuscissero a star fermi per tante ore in un posto cosi piccolo come la Valle Helado.

-Taci- rispose- ormai sono qui!!!!


E c 'erano lì:
I dignitosi, Gaspare e Melchiorre nei loro mantelli di ermellino, con le loro corone, i loro guanti bianchi e le barbe lunghe e setose. Il mio re preferito, era Baldassarre, l'uomo nero che indossava un turbante color indaco ed una veste dorata, e dei sandali ...
Sandali identici a quelli di Patrizio il panettiere!!!!

Patrizio portava i sandali sempre. Anche in inverno, perché faceva troppo caldo a lavorare davanti al forno.

Così, dopo aver notato questo dettaglio, osservai bene la faccia del re Baldassarre
e trovai una grande somiglianza tra il panettiere e il re nero.

-"Mamma, il re nero sembra Patrizio!" Le sussurrai.

-"Che sciocchezze dici!" rispose arrabbiata" guarda le unghie dei piedi, lui è un re perche i re hanno le unghie d’oro"

Guardai bene i piedi e vidi dieci brillanti unghie d 'oro.

Restammo li per un certo tempo e dopo tornammo a casa.

Quella notte andai a letto subito perché ai re piaceva lasciare i doni ai bimbi addormentati.
Il mattino seguente trovai una bambola di porcellana, un servizio di tazzine da caffé di plastica
e un libro che parlava di principesse.
Ero felice dei miei doni, ma dentro di me ballava un diavolino cattivo.
E quando mia madre disse di andare al forno a comprare i dolci speciali d’Epifania, per la colazione, volli accompagnarla anch' io

Lei sorrise e disse:
-"Andiamo!"

E il mio cuore batté forte come si dice che batta forte il cuore dei topi.

Nel forno si sentiva l' odore del pane, della vaniglia, dello zucchero, del burro e la buccia di limone
Patrizio apparve con la torta di panna che si mangia per colazione la mattina dei re magi
Ansiosa guardai i suoi piedi.
Quella mattina Patrizio aveva le unghie d 'oro!!!!

Certo che giocai con le mie tazze, sognando di essere una dama che prende il tè, vestii e svestii la mia bambola, lessi il mio libro di fiabe…
ma... il mio cuore non ebbe più il battito dei topi.
Quel giorno ero invecchiata di cento anni.

No hay comentarios:

Publicar un comentario